Barcellonaonline.net

Discoteche e locali a Barcellona e dintorni

 

 Barcellona - Hotel - Voli - Ristoranti - Cosa fare - Meteo - Musei - Parchi - Metropolitana - Mappa

Cose da fare Barcellona
Shopping aquisti
Visita al porto
Ramblas
Sagrada Familia Gaudi
Poble Espanyol
Parc Guell
Tibidabo
Teatri
Ristoranti
Discoteche
- Video disco.
- Video party
Pub e locali
Menu:
Hotel Barcellona
Hotel a Barcellona e nei dintorni

Cose da fare Barcellona
Cose da fare e posti da visitare.

Voli per Barcellona
Vol
i economici ed offerte per volare sicuri.
Vacanze a Barcellona
Vacanze e pacchetti completi.
Last minute Barcellona
Occasioni ed offerte con prenotazione immediata.
Aeroporto Barcellona
Aeroporti della cittÓ e informazioni generali-
Partners

Aggiungi il tuo link

Cosa fare a Barcellona:
discoteche, locali notturni e diurni, negozi alla moda in cittÓ

 
Discoteche di Barcellona

Movida: tutto in movimento e tutto insieme.
La vita notturna di Barcellona Ŕ pi¨ viva che mai, con discoteche e locali alla moda, sempre pieni  di vita dal tramonto all' alba. La vita nelle discoteche inizia alle 3 del mattino, dopo avere riscaldato i motori nei risto-bar. La movida attraversa le Ramblas e i nuovi locali a ritmo di funky e hip hop, tecno e indie-rock.
Proprio quest' anno ha riparto nella zona di Raval il mitico Club Fellini con le sue tre sale per l' house, la tecno e il funky anni '70.
( La Rambla 27, tel +34 687969825, www.clubfellini.com vedi mappa discoteca ).

Diverso genere per il Jamboree, uno dei locali jazz pi¨ conosciuti di tutta la Spagna, al Barri G˛tic; negli anni '60 ha ospitato Chet Baker, Rlla Fitzgerald, Lionel Hampton....con il lunedý che spicca rispetto agli altri giorni ( Plaša Reial 17, www.masimas.com vedi mappa discoteca).

Sempre al Raval roviamo la mitica Palomba, con i suoi interni originale del 1903, fatti di stucchi, galerie, splenditi lampadari d'epoca. La musica varia, dalle serate con l' orchestra dal vivo alle sessioni dei dj pi¨ quotati ( carrer del Tigre 27, tel. +34 933016897 www.lapaloma-bcn.com vedi mappa)

Vicino a Plaša Catalunya, il City Hall ha una struttura di un teatro con spazio ristorante, giardino e discoteca. Si balla house ( soprattutto la domenica), tecno, deep, elettronica. Il giovedý Hip Hop ( Rambla Catalunya 2-4, +34 93 2380722 www.grupo-ottozutz.com vedi mappa discoteca .)

 

La Dicotheque a Montjuic, nel Poble Espanyol, ripete i fasti e le feste di Ibiza, con dj internazionali.
( avinguda Marques de Comilla tel +34 636222891 www.discotheque.es vedi mappa )

Nella zona di Las Corts troviamo il Bikini, famoso fin dagli anni '50 con le sue tre sale e una varia programmazione musicale, con spesso concerti dal vivo. ( carrer Deu i Mata 105, tel +34933220800, www.bikinibcn.com vedi mappa).

Non lontano dal Bikini troviamo al Districto, un edificio modernista rosso, con musica House e garage ( avinguda Diagonal 442 tel. +34 934154635 www.districtodiagonal.com vedi mappa)

Sempre nella zona di Las Corts, il PachÓ Ŕ la sede alternativa dell' omonimo club di Ibiza con allestimenti mutanti a seconda della serata e del dj. Sopra c'Ŕ anche il ristorante e il lounge Club ( avinguda Doctor Maranon 17, tel. +34 933343233  www.clubpachabcn.com vedi mappa)

Da non perdere il Razz, nella zona di Sant Martý a est del Parc de la Ciutadella, e l' Apollo/Nitsa Club, non distante dalla stazione marittima, con musica alternativa e concerti live il primo e cinema e musica varia per il secondo. ( carrer dels Almogavers 122, www.salarazzmatazz.com (mappa) e carrer Noude la Rambla 113, www.nitsa.com mappa )

Se ancora non siete stanchi, si aspetta l' autobus dell' alba che trasferisce gratuitamente i passeggeri nei luoghi dove si tengono gli after hours.

 

Ricordate che in qualsiasi luogo pubblico si trovano gli inviti per le feste notturne nei vari locali; inaugurazione, pass per le discoteche e tante altre forme per risparmiare sull' entrata o addirittura entrare gratis. Leggete anche i giornalini distribuiti gratuitamente dove vengono riportate le tendenze del momento, i dj pi¨ in voga, il creativo di turno,...
I quartieri pi¨ conosciuti per la vita notturna e diurna sono il Raval, il Barri G˛tic,  il Born e la zona di GrÓcia. Vediamoli uno a uno, indicando per quartiere i locali di tendenza e le cose da vistare.

  • La zona Raval si trova alla sinistra della Rambla ed Ŕ formato da strette viuzze,  di stile gotico-catalano e spazi verdi, macellerie musulmane e graffiti, un tempo frequentato da prostitute e gentaglia, oggi da studenti, immigrati e colletti bianchi; la rinascita del quartiere Raval Ŕ incominciata negli anni '90 con la costruzione del Macba, il museo d' arte Contemporanea, progettato da Richard Meier, e con l' inserimento del Cccb, il centro di cultura contemporanea di Barcellona, nella Casa de la Caritat. Quý si trovano bar bianchi e piccole boutique di giovani designer, Kebab e negozi di dischi, focaccerie e vintage shop.
    Ecco alcune indicazioni da non perdere:
    Oltre ai Museu d' art Contemporani de Barcelona ( Macba) ( Plaša delsAngels 1 www.macba.es mappa ) e il Cccb ( centre de cultura contemporania) ( carrer de Montalegre 5-7, www.cccb.org  mappa), ci sono da vedere altre delizie magari meno conosciute, troviamo al carrer de Joaquin Costa 37 il Graja de Gava, un bar dove fermarsi a mangiare crepe e insalata e scrivere un pensiero sul muro di piastrelle di quella che era una vecchia latteria. Al Carrer Ferlandina 37 abbiamo il Syndrome Bcn, punto vendita decisamente pop, delle creative del quartiere, aspiranti stiliste. Al 13 di Riera Baixa troviamo Le Swing, negozio che propone vintage di lusso a prezzi abbordabili, poco pi¨ in lÓ al numero 16 della stessa via abbiamo Amateur, negozio di vestiti e accessori, quadri e sculture, libri e cd di giovani autori e creatori dalla Spagna al sudamerica.
    Al 42 di carrer del Carme c'Ŕ il Carmelitas, ristorante dagli interni stylish, con immagini di pugili alle pareti. Stessa via ma al numero 33 troviamo Lupino, risto-lounge dedicato a Ilda Lupino. Si pranza, si cena, poi musica lounge con dj. Ancora in zona troviamo i ristoranti Silenus ( carrer de l'Angels 8), il Ra, in Plaša de la Gardunya 4 e il Saisitas, uno tra i primi ristoranti-bar-discoteca in cittÓ e frequentato da vip del mondo dello spettacolo ( carrer Nou de la Rambla 22).
     
  • Il Barri G˛tic Ŕ uno dei quartieri pi¨ conosciuti e alla moda si Barcellona: strade strette, mura romane, piazzette pittoresche e edifici medioevali. Artisti di strada e giocolieri, giovani musicisti e spettacoli ovunque di giorno con la notte straripante di giovani che seguono i locali alla moda. Music bar aperti fino alle 3 di notte, dove si balla e si entra gratis per poi trasferirsi nelle discoteche dove scatenarsi fino all' alba. La gente Ŕ in continuo movimento, si sposta da un locale all' altro senza mai stancarsi della movida barcellonese. Ecco alcuni luoghi da non perdere:
    il Bar del Pi, indirizzo storico della cittÓ, tra piazzette e viuzze e la Catedrale Gotica, offre ottime tapas e sangrýa ( Plaša San Josep Oriol 1, www.bardelpi.com vedi mappa )
    il Caelum al n░ 8 carrer de la Palla, vende biscotti e caramelle, candele e saponi dai monasteri e dai conventi spagnoli.
    Il Nunoya in carrer dels Banys Nous 20 offre stoffe pregiate, kimoni autentici, borse e calze decorate da usare con gli infradito importate soprattutto dal Giappone. Molto raffinato e buoni prezzi.
    l' Inside, negozio di tendenza, rigorosamente vintage, in carrer d'Avinyo 19
    il Bazaar offre borse particolari come quelle con l' effigie di Bruce Lee, cartoline Ganesh e tanta altre cose introvabili e insolite ( carrer d' Aviny˛ 28)
    Il Venus, rilassante bar per piccole soste e il Dot Club, disco bar in carrer Nou de Sant Francesc 7.
    Fonfone, dec˛r anni '70 Ŕ uno dei locali pi¨ all' avanguardia del quartiere; si suona il funky in versione sperimentale e ogni 4░ lunedý del mese l' acid House di Simon Wok ( carrer d' Escudellers 24, www.fonfone.com vedi mappa)
    Molto frequentato Ŕ anche il Club Sonora, nato da poco ma giÓ grande ( carrer d' Escudellers 34)
    Il Margarita Blue, risto-longue dove si beve e si mangia tex-mex, si ascolta musica elettronica e latina.( carrer de Josep Anselm ClavŔ)
    Infine il Guru, risto-longue con cucina fusion, caffetteria con musica chillout e poi house ( al 19 carrer de Josep Anselm ClavŔ.
     
  • Born, il quartiere dei giovani talenti
    Stilisti, galleristi e gioiellieri famosi sono tutti al Born, uno dei tanti distretti che formano il Barri de la ribera, quartiere tradizionalmente popolare, separato agli inizi del '900 dal Barri Gotic da una nuova strada, la via Laietana, nata per riunire i quartieri alti dell' Eixample con la zona marittima.
    Le dimore nobiliari attorno a carrer de Montcada, costruite tra il XIV e XVII secolo, ora sono sedi di musei; alcuni famosi come il Museo Picasso, altri per intenditori come il Museu Textil ( tutto ci˛ che avreste voluto sapere sulla storia del tessuto e del costume, all' intero del Palau Dels Marquesos de Lli˛, in carrer Montcada 12-14, www.museutextil.bcn.es )
    al 25 di carrer de la Princesa troviamo On Land, con i talenti spagnoli della moda, da Josep Abril, a Josep Font, da GimÚnez & Zuazo a Diplo, fino alle magliette con messaggio di Divina Palabras.( www.on.land.com )
    Al Alexina, carrer dels Cotoners n░ 12, moda minimalista, colorata, surreale, irriverente www.alexina.co.uk
    In Plaša de les Olles n░ 7 troviamo Custo, punto vendita del marchio barcellonese pi¨ conosciuto, ispirato al look dei serfisti californiani. www.custo-barcelona.com
    In carrer del Rec 42 incontriamo GimÚnez& Zuazo, con una moda colorata e giovanile a buon prezzo.
    Al EquR Rec, troviamo moda chic, dai tessuti preziosi e toni pastello ( carrer del Rec 75)
    Dalla fila in attesa si intravede il Cai Pep, ristorante con delizie di mare ( Plaša de les Olles 8)
    Infine il Suborn, punto di riferimento nel panorama notturno del Born, di giorno Ŕ un rist-caffŔ con cucina creativa e la sera discoteca per gli amanti del tecno ( 18, carrer de la Ribera)
     
  • GrÓcia, il sobborgo chic di Barcellona
    Il cuore del quartiere di GrÓcia Ŕ Plaša del Sol; case storiche , strade larghe che si alternano a strette viuzze, piazzette chiuse al traffico ricolme di bar, locali e negozi; edifici colorati di tinte pastello, laboratori d' arte, cinefili appassionati, scuole di disegno, ristoranti etnici, di tutto di pi¨ in una serena convivenza. Periferica rispetto alla Ciutat Vella, alla vecchia Barcellona, ricercata  dalle comunitÓ artistiche e politiche per la sua atmosfera distaccata e quasi chic  e demodŔ che si respira ovunque.
    Al n░ 21 di Plaša del Sol troviamo subito una discoteca alla moda, il Mond Club con pop indipendente spagnolo e pop elettronico brittannico.
    Al n░ 16 della stessa piazza troviamo il CafÚ del Sol, accogliente ritrovo per giovani e meno giovani.
    Al n░ 9 per gli amanti della musica reggae da non perdere il Sol de Nit.
    spostandoci di poco troviamo il Jazmin, dove si pu˛ mangiare cuscus vegetariano, yogurt indiano e dolci arabi ( 11 carrer de Maspons)
    Alcuni indirizzi da non mancare li troviamo in carrer de Verdi; al n░8 Marudama, gioielleria artigianale, al n░ 20 Redmarket con marche internazionali e spagnole di street style; al 20bis El piano, il negozio di Tina Garcia, che taglia e cuce abiti nuovi dall' aspetto vintage; al 39 Gasterea, classico della zona con i pinchos e le tapas in versione basca.
    interessante in Plaša del Diamant 4 il negozio Jorgelina Rasmussen con creazioni personalizzate di lampade e abat-jour di ogni tipo.
    In Plaša de la Virreina 2 troviamo 2 locali interessanti e tranquilli come la Virreina e la Cafetera, con tapas e tŔ, mostre di quadri, e un delizioso piccolo giardino sul retro.
    In carrer de Torrijos 47 troviamo la Cantina Machito, ristorante messicano dedicato al culto di Frida Kahlo. Nella stessa via, al n░ 41 c'Ŕ il CafŔ Salambo, frequentato da cinefili e intellettuali

Per ora pensiamo che queste indicazioni possano bastare per scegliere una movimentata vita diurna e notturna nelle strade di Barcellona; ringraziamo per questo articolo "Barcellona Rambla Caliente" tratto dal mensile Gulliver.

Google

 

 

Barcellona online 2006