Barcellonaonline.net

Ryan Air per Barcellona Viaggi e vacanze

 

 Ryan Air per Barcellona Viaggi e vacanze - Barcellona hotel - Prenotazione voli - Ristoranti - Cose da fare - Meteo - Musei - Parchi - Metropolitana - Mappa - Sitemap

Barcellona Menu:
Barcellona hotel
Prenota online oggi hotel in Catalunya

Barcellona: Cosa fare
Sagrada Familia, Casa Batllo, Park Guell.. scopri i posti da visitare.

Prenotazione voli
Vola gratis e prenota i biglietti online.
Vacanze al mare
Vacanze complete di volo e hotel in offerta speciale.
Last minute Barcellona
Offerte speciali e occasioni da cogliere al volo, offerte lastminute

Ryan Air per Barcellona Viaggi e vacanze

Entra a leggere tutte le informazioni più utili su Barcellona e Ryan Air per Barcellona Viaggi e vacanze

Ryan Air per BarcellonaRyan Air per Barcellona

Una lista con alcuni musei di Barcellona da visitare

  • The Fundació Antoni Tàpies: La fondazione Antoni Tàpies è stata creata nel 1984 dall`artista stesso per promuovere lo studio e la conoscenza dell`arte moderna e contemporanea. vedi sito The Fundació Antoni Tàpies e trovalo nella mappa The Fundació Antoni Tàpies
  • Palau Nacional - Museu Nacional D`Art de Catalunya ( MNEC)
    Ci troviamo in una zona elevata del Montjuic; l` edificio nasce come padiglione della Spagna in occasione dell` Esposizione Universale del `29 su progetto di Enric Catà i Catà; dal 1985 viene scelto come sede del Museu Nacional d`Arte de Catalunya.
    Di stile accademico e manierista, il palazzo ha una superficie di circa 45.000 mq distribuiti su due livelli, con spazi e volumi di dimensioni monumentali.
    • Museu de Les Arts Escèniques
      Scendendo sull` angolo sinistro della facciata di Palau Nacional, in passeig de Santa Madrona, troviamo l Istitut de Teatr con annesso il Museu de les Arts Escèniques, bellissimo museo per gli amanti del teatro con l` esposizione di costumi, scenografie, plastici e documenti di attori famosi.

    • Museu d` Arquelogia de Catalunya
      Proseguendo per passeig de Santa Madrona, troviamo questo bel museo, eretto anch`esso per l` esposizione del 1929 come Palau d`Artd Gràfiques. L` edificio si presenta come una rotonda classicheggiante in mattoni e dal 1932 ospita il Museu d` Arqueologia de Catalunya, con la storia della regione dall` età della pietra all` invasione dei Visigoti nel V secolo d.C.
      una menzione particolare merita la sezione dedicata all` insediamento punico di Ibiza, così come il grande salone dedicato al periodo Romano.

    • Museu Etnològic e Palauete Albeniz
      Passando vicino al Teatre Grec, aperto sempre per l` esposizione del 1929 e tutt`oggi sede di diversi eventi e rappresentazioni di testi classici, arriviamo al Museu Etnològic che occupa un edificio del 1973. Ricchissima la quantità di reperti raccolti ( oltre 20.000) provenienti da tutto il mondo con particolare attenzione al sudamerica. non lontano raggiungiamo la scalinata di accesso al Paluete Albeniz, struttura decorata da dipinti di Salvadòr Dalì, oggi residenza di rappresentanza.
    Ulteriori informazioni sui musei di Barcellona

    Il nucleo antico di Barcellona è costituito dal Barrì Gotic, ad ovest della Ramblas. Nel cuore del Quartiere si erge splendida la Cattedrale, sul cui sagrato la domenica mattina una folla di catalani doc si prende per mano e balla la sardana, l allegra danza tipica della regione. Dalla Cattedrale si dipana las Ramblas, lungo viale alberato di platani, che conduce da Plaça Catalunya, centro della città, al lungomare.

    Barcellona e la Sagrada Familia di Gaudi

    Aree specifiche del santuario riprodurranno invece i simboli delle virtù e dei peccati. Attualmente sono in costruzione le navate centrali, rette da colonne a forma di enormi alberi, con un soffitto che sembra composto da giganteschi girasoli.

    Ci troviamo all` interno del mitico Quadrat d`Or e nelle via adiacenti dove si è sbizzarrito il genio di Antoni Gaudì, Lluìs Doménech e degli altri esponenti del Modernismo. Una clausola sembra abbia contribuito ad allungare i tempi di costruzione e cioè quella che i soli e unici finanziatori sarebbero stati i fedeli stessi. Ancor oggi sono visibili le grù e i cantieri aperti, anche se sembrerebbe che i progetti originali di Antoni Gaudì siano scomparsi in seguito a un incendio appicato volontariamente al suo studio quando l` architetto era già morto da qualche anno in circostanze quanto meno strane da quanto erano normali ( fu investito da un tram in pieno centro).

    Alla vita di Gaudì e di conseguenza alle sue opere e in particolare alla Sagrada Familia a