Barcellonaonline.net

Storia di Barcellona

 

Barcellona - Hotel - Voli - Ristoranti - Cosa fare - Meteo - Musei - Parchi - Metropolitana - Mappa

Musei a Barcellona:
Museo Sagrada Familia
Museo Parc Guell
Museo Picasso
Fundaciò Joan Mirò
Casa Milà "La Pedrera"
Casa Batllò
Poble Espanyol
Parc de la Ciutadella
Elenco musei
Menu:
Hotel Barcellona

Cose da fare Barcellona

Voli per Barcellona
Vacanze a Barcellona
Last minute Barcellona
Aeroporto di Barcellona
Partners

Aggiungi il tuo link

Musei di Barcellona:
Storia di Barcellona

Storia Barcellona

 
Sempre a Barcellona...

Parc Guell: il famosissimo parco sede anche della casa di Anton Gaudi, posto molto rilassante e ricco di cose da vedere...
Leggi Parc Guell o trovalo in mappa

Poble Espanyol Montjuic: Un vero museo all'aria aperta in cui trovare prodotti caratteristici, spettacoli folkloristici...
Leggi Poble Espanyol  o mappa

Vedi i musei di Barcellona

 
La storia di ogni capitale Europea e in particolare di una città affascinante come Barcellona, è fatta di fatti e personaggi che hanno lasciato a livello mondiale delle tracce indelebili.
Nel tempo cercheremo di presentare luoghi e uomini da ricordare, vicende interessanti e poco riportate, illustri sconosciuti e grandi personaggi che hanno fatto grande la bella Barcellona.
Barcellona ha attraversato spesso periodi bui e ha subito i colpi di potenze e di città maggiori, così come i disordini delle lotte interne. Ha patito i cannoni dei re di Castiglia, che assediavano la Catalogna dal mare, le bombe della Guerra Civile, il regime di Franco. Nonostante sia stata fondata intorno al 230 a.C., molto probabilmente dai cartaginesi, e più avanti abbia subito l'invasione dei visigoti e dei musulmani, la sua storia iniziò ufficialmente solo nell'801 d.C., quando l'esercito dell'odierna Francia scacciò i mori. A quei tempi, le pianure e le montagne a nord e a nord-ovest di Barcellona erano abitate da un popolo che poteva già allora essere riconosciuto come 'catalano' (anche se i primi riferimenti al termine effettivamente documentati risalgono al X secolo).
La lingua oggi più vicina al catalano è la langue d'oc, l'antica lingua del sud della Francia. Nel XII secolo la Catalogna si arricchì grazie ai facili guadagni ottenuti a causa della caduta del califfato musulmano di Córdoba. I catalani riuscirono a mantenere viva la loro forza creativa per tutto il XIV secolo, quando Barcellona fu alla testa di un mini impero che comprendeva la Sicilia, Malta, la Sardegna, Valencia, le Baleari, le regioni francesi del Rossiglione e della Cerdagne e parte della Grecia. Tuttavia, all'inizio del XV secolo, devastato dalla peste, dalle banche andate in rovina e dall'occupazione dei suoi mercati da parte dei genovesi, l'impero iniziò a vacillare. I catalani avevano sperato che l'annessione al Regno di Castiglia avrebbe potuto restituire loro ricchezza e vitalità; in realtà, gli eredi della corona di Castiglia e Aragona si dimostrarono molto interessati a sfruttare la Catalogna per finanziare le loro ambizioni imperiali. La ribellione del 1462 contro il re Giovanni II culminò nell'assedio del 1473 che devastò la città. Barcellona fu annessa alla Castiglia, ma venne esclusa dallo sfruttamento delle Americhe che, nel XVI secolo, portò immense ricchezze alla Castiglia. A quei tempi, i contadini avevano già iniziato a ribellarsi.
L'ostilità dei catalani alla dominazione castigliana provocò frequenti rivolte che culminarono durante la Guerra di successione (1702-1713): la Catalogna si schierò al fianco del Regno Unito e dell'Austria contro Filippo V, il contendente francese al trono di Spagna. Questo fu un grave errore. Nel 1714, Barcellona cadde nuovamente sotto un pesante assedio: oltre a mettere fuori legge la lingua catalana, Filippo V costruì un enorme forte, La Ciutadella, per tenere sotto controllo i suoi sudditi infedeli.
 Dopo il 1778, alla Catalogna fu concesso di commerciare con l'America e le fortune della regione cominciarono piano piano a migliorare.
 La prima rivoluzione industriale spagnola, basata sul cotone, iniziò proprio qui; in quel periodo, inoltre, si svilupparono anche altre industrie, basate sul vino, sul sughero e sul ferro. Negli anni tra il 1830 e il 1840, il Romanticismo riaccese l'interesse per la cultura e la lingua catalane, che stavano per scomparire. La Renaixença (Rinascimento) catalana fu una sorta di crociata guidata da scrittori e poeti per rendere popolare la lingua della loro gente. Più o meno nello stesso periodo, nacque anche un fervente movimento nazionalista appoggiato da membri di tutti i partiti.

All'inizio del nuovo secolo a Barcellona vi fu una vera e propria esplosione demografica (la popolazione era passata da 115.000 abitanti nel 1800 agli oltre 500.000 del 1900, per superare il milione nel 1930), grazie soprattutto agli operai che si trasferivano qui per cercare lavoro nelle nuove industrie. La città divenne un vortice di anarchici, repubblicani, regionalisti borghesi, gangster, terroristi, pistoleros e centristi, compresi quelli giunti da Madrid, tutti desiderosi di prendere parte all'azione. Entro la fine della seconda guerra mondiale, circa l'80% degli operai di Barcellona erano diventati simpatizzanti dell'organizzazione anarchica CNT: le relazioni industriali ebbero il loro momento peggiore durante l'ondata di scioperi del 1919-20, quando gli imprenditori assoldarono dei killer per uccidere i leader dei sindacati.
 Nel 1931, quando si stava formando la Seconda Repubblica Spagnola, i nazionalisti catalani proclamarono una repubblica all'interno di una 'Federazione Iberica'. La Catalogna ottenne in poco tempo una vera e propria autonomia, dopo che il Fronte Popolare (partito di sinistra) vinse le elezioni politiche del febbraio 1936. Per circa un anno, gli anarchici rivoluzionari e il POUM (il Partito di Unificazione degli Operai Marxisti) governarono la città. Mettete dieci anarchici in una stanza e avrete undici opinioni politiche diverse: nel maggio del 1937, la lotta tra i comunisti, gli anarchici e il POUM si trasformò in una vera e propria guerriglia urbana che durò tre giorni e causò più di 1500 morti.
Gli sforzi per la creazione di una repubblica spagnola furono contrastati da altre lotte interne di questo tipo che vanificarono la possibilità di sconfiggere la milizia fascista di Franco. Barcellona, l'ultima roccaforte dei repubblicani, cedette alle forze di Franco nel gennaio del 1939 e la guerra finì pochi mesi dopo. Invece di lasciarsi sottomettere da Franco, migliaia di catalani abbandonarono il paese passando dal confine con la Francia e da quello con Andorra.
 Franco bandì immediatamente il catalano e riempì la regione con immigrati provenienti dalla povera Andalusia, nella speranza di reprimere così i movimenti indipendentisti catalani. Franco bandì anche una delle più allegre espressioni catalane di unità nazionale, la sardana, una danza pubblica che si fa in cerchio.
Franco era appena stato sepolto, quando il movimento indipendentista catalano ricominciò a farsi sentire. La lingua catalana fu riadottata come segno di vendetta e venne fondata la Generalitat, una sorta di parlamento locale, intorno al quale ancora oggi la gente si riunisce più volte a settimana per danzare la sardana. Si parla ancora di indipendenza, ma, appunto, se ne parla e nient'altro.
Così riassume in breve una delle guide più interessanti della città di Barcellona Guide EDT/
Lonely Planet
 
 

Barcellona online 2006

>