Barcellonaonline.net

Parchi e posti da visitare a Barcellona

 

Barcellona - Hotel - Voli - Ristoranti - Cosa fare - Meteo - Musei - Parchi - Metropolitana - Mappa

Musei Barcellona
Museo Sagrada Familia
Museo Parc Guell
Museo Picasso
- Hotel in zona

- Mappa museo
- Video Picasso

- Picasso:La vita
- Picasso: le opere
Fundaciò Joan Mirò
Casa Milà "La Pedrera"
Casa Batlò
Poble Espanyol
Parc de la Ciutadella
altri musei
Menu:
Hotel Barcellona

Cose da fare Barcellona

Voli per Barcellona
Vacanze a Barcellona
Last minute Barcellona
Aeroporto di Barcellona
Partners

Aggiungi il tuo link

 

Gaudì: vita e opere di Antoni Gaudì
Gaudì a Barcellona

Le opere di Antoni Gaudì

Antoni Gaudì è considerato il massimo esponente del Modernismo, stile che in europa si chiamò liberty, floreale o Jugendstil, secessione o modern style.
Le opere di Gaudì erano così innovative che nessuno riusciva a capirle e ad apprezzarle;ora la situazione è cambiata e gaudì è visto come un artista di straordinario talento, ed è acclamato in tutta la Spagna e anche all'estero. Infatti il Vaticano ha autorizzato la Congregazione per le cause dei Santi a iniziare un processo di canonizzazione di Gaudì, su richiesta dell'arcivescovo di Barcellona , cardinale Ricardo M. Carles Gordò
.
 

Ma l'opera di Gaudi non può essere letta a fondo a prescindere del periodo in cui essa si sviluppò. Barcellona a cavallo fra 800 e 900 era forse l'unica città della Spagna vitale, non dormiente. Era una città che aveva ripreso ad essere capitale del commercio, ma questa volta via Atlantico, una città che andava demolendo le mura esterne e si andava sviluppando secondo i tracciati dettati da Ildefonso Cerdà. Ed è proprio qui che si sviluppa il modernismo di Gaudì, coevo del nostro Liberty. In questa città Gaudì ebbe anche la fortuna di incontrare un ricco industriale, rimasto estasiato da una vetrina per un negozio di guanti disegnata dal maestro in gioventù. Si trattava di Eusebi Guell, il quale, diventando il suo mecenate, gli diede massima fiducia e massima disponibilità economica affinchè Gaudi potesse lasciarci ciò che ci ha lasciato. Un'architettura, tradizionalista o avanguardista che sia, fatta di forme nuove, frutto di continue sperimentazioni che il maestro, grazie alla pratica svolta presso l'officina del padre calderaro, svolgeva spesso con modelli tridimensionali e a volte in cantiere stesso. Tali sperimentazioni in cantiere, come nella Cripta della Colonia Guell, lo portarono a realizzare pilastri inclinati, volte ardite e strutture portanti atipiche.

Gaudi era strutturalista come Viollet Le Duc, nello stesso tempo era legato alle forme artigianali, come Morris, ed eclettico, nel senso che dagli stili del passato prendeva ciò che più si addiceva alle sue idee formali, sperimentando e cercando di correggerne i difetti.

Nelle sue opere egli sembrava plasmare la natura, come nel Parco Guell dove usa le pietre del posto, ed in questo si può definire, senz'altro, un precursore di Wright, ma non un ecologista, come hanno detto alcuni, dato che nel periodo in cui viveva non c'era bisogno di esserlo, grazie a Dio.
 

La Sagrada Familia è sicuramente la più grande incompiuta opera d'arte di tutti i tempi!
Nonostante ciò è forse oggi il simbolo più rappresentativo di Barcellona e non solo.

La Casa Milà, più conosciuta come "La Pedrera", è un altro dei capolavori artistici di Gaudì. Costruita tra il 1906 e il 1910, anticipa in qualche modo, già lo stile della Sagrada Familia di cui si nota la somiglianza con la struttura aspra. È composta da una serie di muri-tenda in pietra e dipinti al loro interno, con la facciata principale aperta ed ornata con grandi finestroni e balconi con ringhiere di ferro. Un particolare che dovete sicuramente notare sono i fantasiosi camini sul tetto. La sua soffitta è formata da un'impressionante successione di 270 archi di mattone, in cui oggi si espone una mostra dell'architetto catalano. Questa soffitta supporta una terrazza con una splendida vista panoramica sulla via di Gràcia. In uno dei piani superiori è stata ricostruita una dimora (el Piso) alto-borghese dell'epoca. Per la sua straordinaria bellezza, la Pedrera è stata dichiarata "Patrimonio dell'Umanità" dall'Unesco nel 1984. 

Park Güell

Parc Guell è forse tra le opere compiute di Antoni Gaudì quella più grande e impegnativa; sicuramente per questo risulta essere agli occhi dei visitatori inesperti espressione dell' arte intera dell' architetto di Dio, come veniva nominato ( ricordiamo che per Gaudì è stato aperto nel 1998 un processo di beatificazione)
 

 

 

Bacellona - Hotel - Voli - Ristoranti - Cosa fare - Meteo - Musei - Parchi - Metropolitana - Mappa

 

Barcellona online 2006

>